CONTACT US sitemap

Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

gender-fluidityIn principio fu il Genderless, quella tendenza che definisce una fluidità di genere a cui sempre più designer, negli ultimi anni, hanno attinto per ideare e lanciare Collezioni moda libere dal concetto di maschile e femminile, e improntate su una versatilità di fruizione spiccatamente “unisex“. Essere genderless vuol dire improntare il proprio stile di vita sulla totale libertà d’espressione che, nel caso specifico dello stile, si traduce nel non essere più obbligati a vestirsi secondo codici e modelli che non si sentono veramente propri. Dalle passerelle delle Fashion Week alle vetrine dei brand più pop, la moda “unisex” è così diventata sempre più protagonista, al punto da favorire lo sviluppo di una nuova sensibilità estetica che in questa “fluidità di genere” trova oggi la sua espressione più chiara.

Nasce qui il concetto contemporaneo di “Gender Fluidity“, un nuovo stile, un modo di essere, ma soprattutto una forma di pensiero che supera e va oltre il mero concetto di omosessualità: “essere gender fluid significa identificarsi come né maschio né femmina, oppure entrambi, e rifiutare il concetto che esistono due generi” ha spiegato Mim Weisburd, artista californiana della Bay Area (citata da Rivista Studio), che proprio di questa sensibilità “gender fluid” ha fatto la sua modalità di espressione artistica. Una ribellione che non si oppone ai limiti imposti dalla biologia umana, bensì dalla storia, dove “il concetto di genere è stato utilizzato per definire, limitare e controllare le persone in ogni modo, dentro e fuori”, precisa l’artista.

A seconda del momento particolare, la Gender Fluidity porta a sentirsi a volte un ragazzo, a volte una ragazza. E questo stato d’animo si traduce in scelte volte a mixare maschile e femminile, alternandoli ed esibendoli in base ai differenti mood. Lo abbiamo visto nella moda, nell’arte, nella musica, nell’universo degli influencer e persino nel mondo della bellezza, dove oggi si iniziano a diffonere le prime linee cosmetiche dedicate a uomini che guardano con interesse alla cura di sé anche in termini di make up. Non da ultimo, lo abbiamo visto nel mondo delle fragranze, il più avanguardista in termini di genderless e gender fluidity, poiché espressione di una percezione personale che è – per natura – olfattivamente slegata dal concetto di genere.

Ci sono profumi iconici creati apposta per superare la divisione fra maschile e femminile e per rompere i codici storici che limitano la possibilità di esprimere se stessi. Il caso più eclatante è Musk di Alyssa Ashley, fragranza creata nel 1968, anno della rivoluzione giovanile. Un profumo maschile e femminile al tempo stesso, nel quale ogni giovane che si sente a volte un ragazzo, a volte una ragazza può identificarsi. Una fragranza trasgressiva ed espressiva a base di muschio, che ancora oggi rappresenta un classico della profumeria “gender fluid”, ante litteram.

Musk by Alyssa Ashley, Eau de Toilette

Musk by Alyssa Ashley, Eau de Toilette

L'articolo Gender Fluid è il nuovo Genderless sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Se una volta bere il tè si beveva solo alle cinque con il rito che tanto piace agli inglesi, oggi questa tradizione si è evoluta nel “Wonderful Time”, la tendenza di bere tè, tisane o infusi in qualsiasi momento, luogo e situazione. Da uno studio condotto da Clipper con metodologia woa (Web Opinion Analysis), è emerso che 4 italiani su 10 (38%) bevono tè o tisane ogni giorno, mentre il 42% dalle due alle tre volte a settimana. Il rituale del bere questo infuso è talmente popolare che sono state istituite ben due Giornate Internazionali: il 15 dicembre ed il 10 giugno, quest’ultima dedicata alla sua versione fredda. Sull’argomento, poi, non mancano i libri: uno in particolare, dal titolo “Viaggio alle sorgenti del Tè”, scritto da Catherine Bourzat. E poi basta pensare a Mary Poppins che si incontrava sempre con Bert, spazzacamino e disegnatore, per bere un tè. Sono molte anche le scene dedicate a tè e tisane nei film di Hollywood e nelle serie tv: da “Edward mani di forbice”, in cui si danno lezioni di galateo su come prendere una zolletta di zucchero, ad “Alice in Wonderland”, dove i protagonisti sono ritratti seduti attorno ad un tavolo sorseggiando una tazzina di tè, passando infine per “The Queen”. L’inverno, per il 42% degli intervistati è il periodo migliore per bere tè, munitevi di una mug bella e originale che vi invogli ancora di più!

L'articolo Oggi è la Giornata internazionale del tè sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

1. Kendall Jenner2. Karlie Kloss3. Chrissy Teigen4. Rosie Huntington Whiteley5. Gisele Bundchen6. Cara Delevingne7. Gigi Hadid8. Bella Hadid9. Joan Smalls10. Doutzen Kroes

Vince Kendall Jenner, che già lo scorso anno si era classificata prima rubando il podio a Gisele Bundchen. Parliamo della lista delle modelle meglio pagate del 2018, stilata come ogni anno dalla rivista Forbes. E se lo scorso anno la penultima di casa Kardashian-Jenner aveva guadagnato ben 22 milioni di dollari, quest’anno la cifra è aumentata di ben mezzo milione. Eppure, quando qualche mese fa la stessa Forbes aveva parlato di sua sorella Kylie Jenner come la più giovane miliardaria self-made, grazie al lancio della sua azienda di cosmetici, Kylie Cosmetics, dedicandole una copertina e anteponendola addirittura a Mark Zuckerbeg, pensavamo sarebbe stata lei la vincitrice di casa Kardashian. Invece no: per quanto Kylie abbia guadagnato con la sua azienda circa 630 milioni di dollari in due anni, la modella più pagata risulta Kendall grazie ai contratti con Estée Lauder, Adidas e Calvin Klein, e molti altri.

Karlie Kloss

Karlie Kloss

Kendall che non smette di far parlare di sé anche per il fisico statuario che ama mettere in mostra con abiti trasparenti che svelano anche il motivo per il quale è prima nella speciale classifica, che viene stilata ogni anno prendendo in considerazione  il periodo che va da giugno a giugno, quindi da giugno 2017 al 2018. Le cifre, infatti, sono calcolate in anticipo e i guadagni presi in esame si basano sul reddito derivante da contratti per profumi e cosmetici, sostanzialmente, come rivela Forbes. Tutte insieme, le dieci modelle più pagate hanno totalizzato un totale di 113 milioni di dollari, leggermente in rialzo rispetto al totale collettivo di 109,5 milioni del 2017.

Rosie Huntington Whiteley

Rosie Huntington Whiteley

Sul podio, al secondo posto, si piazza la modella Karlie Kloss, con ben 13 milioni di dollari, caso un po’ atipico di modella che ha deciso di fare anche altro: laureata in legge, è appassionata di coding, una disciplina che prevede la programmazione informatica e ha fondato Kode with Klossy, una società no profit per insegnare alle ragazze proprio il coding e la programmazione, considerata uno dei mestieri del futuro. Karlie ha anche sposato di recente Joshua Kushner, fratello del marito di Ivanka Trump, imprenditore a sua volta. Ma la fonte di reddito maggiore per la Kloss è stato il suo brand personale, Klossie, una sorta di evoluzione della sua presenza sui social grazie alla quale ha ottenuto contratti milionari con brand come Swarovski, Adidas e Estée Lauder.

Chrissy Teigen

Chrissy Teigen

I social, insomma, hanno fatto la fortuna di molte modelle, compresa Rosie Huntington Whiteley, terza con 13,5 milioni di dollari che ha fondato un proprio brand, Rose Inc. venduto da Marks & Spencer a Londra e Chrissy Teigen, quarta con 11,5 milioni che si è data al food, lanciando una linea di pentole, partecipando al programma televisivo Lip Sync Battle e pubblicando due libri di ricette. “La propria pagina sui social media è il proprio biglietto da visita”, ha spiegato Ivan Bart, presidente di IMG Models, la cui agenzia rappresenta la maggior parte delle modelle della lista. “Se hai intenzione di fare la modella, devi tenerne conto”.

Cara Delevingne

Cara Delevingne

Ma c’è anche chi, ai social, ha preferito la carriera di attrice, come Cara Delevingne quinta con 10 milioni di dollari guadagnati, il cui film, Valerian, non ha però ottenuto grandi successi e che prossimamente sarà in una serie di Amazon Prime Video, Carnival Row. Al pari della Delevingne, Gisele Bundchen, passata dalla seconda posizione dello scorso anno (e la prima degli anni precedenti) al quinto posto ma sempre prima di Gigi e Bella Hadid, rispettivamente settima e ottava (lo avreste pensato?!). Bella, oltretutto, pari merito con Joan Smalls, rientrata nella classifica dopo un anno di assenza, come Doutzen Kroes, al decimo posto con 8 milioni di dollari guadagnati grazie a contratti con L’Oréal e Piaget.

Ad abbandonare la classifica quest’anno sono state Adriana Lima, Ashley Graham e Liu Wen, che hanno guadagnato poco meno di 8 milioni di dollari.

L'articolo Le 10 modelle più pagate al mondo: prima Kendall Jenner, seconda Karlie Kloss sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

crema2

Siamo ufficialmente nell’era “no-aging”, quella in cui i termini invecchiamento e rughe vengono aboliti (ricordiamo l’iniziativa della rivista Allure che lo scorso anno annunciò l’abolizione dalla sue pagine del termine anti-aging) e le case cosmetiche mettono a punto trattamenti focalizzati non più o non tanto sull’età quanto sulla problematica da trattare. Questa introduzione per dire che oggi il parametro di bellezza per la pelle non sono più le rughe ma la luminosità, il turgore e la compattezza, risultato di una buona idratazione. Dunque, la pelle per dirsi bella e sana deve essere idratata. È un fatto che quando la pelle è secca la superficie è alterata e la luce non viene riflessa correttamente, apparendo più vecchia di quel che è, mentre quando è ben idratata riflette la luce in modo diffuso ed è più elastica.

crema

Ora, l’uso di un buon trattamento idratante è fondamentale. Soprattutto nei mesi freddi quando la pelle è messa a dura prova dal freddo e dal riscaldamento domestico. Ma dalle pagne del sito The Cut apprendiamo che l’idratante in realtà non è sufficiente o comunque non è idoneo perché bloccherebbe l’azione osmotica della pelle, ostruendo i pori e producendo un effetto rebound, ovvero maggiore secchezza. Per questo, The Cut, ha chiesto il parere della dott.ssa Patricia Wexler, che ha fornito alcuni suggerimenti su come rendere la pelle meno secca.

1. Non fare docce troppo calde, che sensibilizzano la pelle. La temperatura ideale è tiepida. 2. La doccia deve essere breve 3. Il calore eccessivo disidrata la pelle 4. Applicare una crema idratante quando la pelle è umida, entro cinque minuti dalla fine della doccia 5. Evitare i balsami per le labbra con cera d’api, meglio con ceramidi 6. Meglio utilizzare creme e non lotion che hanno un elevato livello alcolico 7. Utilizzare creme alle ceramidi, una sorta di “colla” che tiene insieme le cellule della pelle. 8. Non utilizzare gli oli per il viso perché possono “sigillare” l’umidità già presente nella pelle impedendo che il viso resti idratato. Agirebbero, infatti, come una barriera impermeabile. 9. Gli oli vanno bene per le cuticole 10. Non usare i saponi che seccano troppo la pelle, meglio detergenti con glicerina 11. L’esfoliazione elimina le cellule morte dunque favorisce la penetrazione delle creme idratanti

L'articolo Tutto quello che occorre sapere sull’idratazione sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Il riso ha un’elevata digeribilità, superiore a qualsiasi altro farinaceo, pasta compresa: la sua frazione glucidica, costituita dall’amido, si presenta infatti sotto forma di granuli con dimensioni molto piccole (2-10 micron), ed inoltre il rapporto fra la le due componenti dell’amido (la lineare -l’amilosio- e la ramificata -l’amilopectina-, che ne condizionano la digeribilità e l’assorbimento) è a favore dell’amilopectina, che risulta più facilmente aggredibile dagli enzimi amilolitici e, pertanto, più facilmente digeribile.

L'articolo Digestione difficile? Oggi sostituisci la pasta con il riso sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Il 2018 è stato l’anno del bob. Lo abbiamo detto in tutti i modi. A suggellare la notizia, la modella Hailey Baldwin che proprio in questi giorni ha sfoggiato un bob tutto nuovo sul suo profilo Instagram Story, proprio quel chin-length bob che, come abbiamo anticipato qualche giorno fa, sarà il taglio must have dellla prossima primavera. Su una delle due foto, la scritta “chopped”. Il taglio è un bob che sfiora il mento, leggermente sfilato sulle punte. Lo stesso sfoggiato ultimamente da Kim Kardashian, Emma Stone e Lucy Hale.

haileybaldwincr_46369195_359221754841336_5951989729380637761_n

L'articolo Il nuovo bob di Hailey Baldwin sembra essere il primo su Glamour.it.



Continua a leggere

Natale in famiglia? Si, grazie, soprattutto se ci sono bimbi piccoli. Ecco alcune idee su come trascorrere le vacanze più magiche dell’anno con i propri cari, tra nonni, zii, nipoti e cugini, con tanto divertimento: dai giochi allo shopping, dai dolci hand made alla caccia al tesoro per scovare i regali di Santa Claus.Continua a leggere

Continua a leggere

Stai pensando di acquistare uno spazzolino elettrico? Dovresti davvero: è scientificamente testato che chi usa uno spazzolino elettrico ha meno rischi di formazione della placca e ha meno probabilità di beccarsi una carie. Ecco una guida completa per aiutarti a scegliere il modello di spazzolino elettrico perfetto per le tue esigenze, analizzando sia le proposte top di gamma che i prodotti con il miglior rapporto qualità/prezzo.Continua a leggere

Continua a leggere


X

privacy